Visti per gli USA – Come ottenere il visto O1

1 Settembre 2020

Tra i visti per gli USA, l’O1 è conosciuto anche come visto artistico ed è un permesso di lavoro per persone che hanno eccelso nel proprio campo. Le categorie coinvolte sono molteplici dalle scienze alle arti, dal commercio allo sport e la condizione necessaria è dimostrare di distinguersi nel proprio settore rispetto ad altri candidati. I professionisti che possono richiedere questo visto sono ad esempio cuochi, stilisti, parrucchieri, scrittori, scienziati, cantanti, attori, fotografi o ricercatori.

Il visto dura 3 anni, ma rispetto ad altri visti per gli USA può essere rinnovato più volte. Ottenere l’O1 è un percorso lungo e complicato, anche se conosco persone che sono riuscite ad ottenerlo autonomamente, suggeriamo di chiedere una consulenza ad un legale che possa aiutarvi a gestire le pratiche, possiamo però mettervi in contatto con un’agenzia specializzata in visti. In questo articolo vi spieghiamo il percorso per l’ottenimento del visto artistico e vi lasciamo la testimonianza di Alessandro, un parrucchiere italiano trasferito a New York con l’O1.

 

Qui trovate l’intervista video ad Alessandro:

Come ottenere il visto per gli USA: requisiti visto O1

Prima di entrare nel dettaglio e spiegarvi l’iter per l’ottenimento del visto, teniamo a precisare che tra i visti per gli USA, l’O1 richiede un’accurata raccolta di materiale e referenze a conferma dei risultati raggiunti dal candidato. Premi, riconoscimenti, articoli o libri pubblicati, un alto livello di retribuzione o l’adesione a organizzazioni di alto livello nel proprio settore, sono alcuni fattori utili per valorizzare le competenze del candidato. Nel prossimo paragrafo troverete maggiori dettagli a riguardo.

Il visto O1 si suddivide ulteriormente in:

  • Visto O2 per accompagnatori o collaboratori, ad esempio l’assistente di un fotografo che ha ottenuto il visto artistico
  • Visto O3 per i familiari del richiedente del visto O1

Il visto O1 a sua volta si divide in O-1A per coloro che si sono distinti nei seguenti ambiti scienza, educazione, economia o sport e ancora in O-1B dedicato ai professionisti nel campo dell’arte.

Come per altri visti per gli USA è necessario avere un’azienda che sponsorizzi il candidato, essenziale per la compilazione del modulo I-129 che va inoltrato agli uffici competenti dell’immigrazione americana (USCIS) per l’approvazione. Nella compilazione del documento entrano in gioco due figure:

  • Petitioner chi richiede il visto
  • Beneficiary azienda, persona o agente che sponsorizza il candidato

Fondamentale è la parte di Consultation che come anticipato nel precedente capitolo è la raccolta di referenze e testimonianze sulle qualità del candidato. In seguito, il Petitioner e il Beneficiary sottoscrivono il contratto di lavoro che precisa le attività che svolgerà il richiedente del visto negli Stati Uniti.

visti per USA Visto O1
(pic credit: witeradvogados.com)

Come ottenere il visto per gli USA: documenti per l’intervista

La lista dei documenti necessari per fare richiesta per il visto O1 è molto ampia e deve essere fatta una distinzione tra il visto O-1A e il visto O-1B. Infatti, oltre alle referenze è molto importante correlare eventuali collaborazioni, riconoscimenti e progetti, come vi spieghiamo di seguito. Oltre al visto O1 esistono anche O-2: Individui che accompagneranno un artista o un atleta O-1, per assistere in uno specifico evento o performance; O-3: individui che sono il coniuge oi figli di titolari di visto O-1 e O-2.

Visto O-1A
O-1A: individui con una straordinaria abilità nel campo delle scienze, dell’istruzione, degli affari o dell’atletica (esclusi gli individui con una straordinaria abilità nelle arti)

  • Premi e riconoscimenti nazionali e internazionali
  • Adesione a organizzazioni del proprio settore
  • Pubblicazioni libri o articoli su riviste e giornali scientifici
  • Progetti di ricerca riconosciuti nel proprio campo
  • Alto livello di retribuzione
  • Giudice per concorsi o manifestazioni

Visto O-1B
O-1B: individui con una straordinaria capacità nelle arti o risultati straordinari nell’industria cinematografica o televisiva

  • Premi e riconoscimenti nazionali e internazionali
  • Partecipazione a produzioni cinematografiche o artistiche che hanno ottenuto consenso dalla critica
  • Partecipazione a produzioni di successo a livello nazionale e internazionale che hanno ottenuto consenso dalla critica
  • Riconoscimenti da parte di esperti o organizzazioni di settore
  • Alto livello di retribuzione

La procedura per l’ottenimento del visto O1 prevede:

  • la compilazione del modulo DS-160 online
  • la registrazione al portale 
  • il pagamento della tariffa consolare non rimborsabile (MRV) online
  • la prenotazione di un appuntamento per l’intervista
  • l’approvazione del modulo I-129

In sede di colloquio vi verrà chiesto di portare con voi:

  • la conferma del modulo DS-160
  • il passaporto valido e una fototessera del richiedente ed eventuali familiari
  • l’approvazione del modulo I-129
  • documenti che certificano la situazione finanziaria e familiare, per esempio il certificato di matrimonio, certificato di residenza, contratto di lavoro, buste paghe recenti o estratti conti.

Come per tutti gli altri visti per gli USA, anche l’O1 prevede un colloquio in lingua inglese presso la sede dell’ambasciata americana in Italia. Se la domanda viene accettata, il candidato riceve il passaporto e il visto per posta o se ha scelto la modalità di il ritiro, può recarsi alla filiale DHL indicata o richiedere la spedizione a casa.

Nel caso in cui il visto sia negato in sede di colloquio, il candidato riceve una lettera con la spiegazione dettagliata del rifiuto.

Vi rimandiamo alla pagina ufficiale dell’ambasciata relativa al visto O1 per ulteriori dettagli e/o aggiornamenti.

 

Come ottenere il visto per gli USA: costi visto O1

Oltre al pagamento delle tasse consolari, nel caso specifico del visto O1 dovete mettere in preventivo eventuali spese legate alle pratiche burocratiche e alla consulenza legale che possono aggirarsi intorno a un paio di migliaia di euro. Inviatemi una mail se siete interessati ad entrare in contatto con l’agenzia visti (che non svolge la funzione di legale).

Vi ricordiamo che per qualunque informazione o domanda relativa al rilascio di questo e altri visti per gli USA, potere contattare l’agenzia New York City 4 All per prenotare una consulenza.

 

Vi lasciamo il link per dare un’occhiata alla sezione dedicata ai visti sul blog e questa la Playlist su YouTube con le altre testimonianze video!

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter