Parchi da visitare a New York: Little Island

1 Marzo 2022

La Grande Mela viene spesso definita come una giungla di cemento in cui i ritmi frenetici lasciano poco spazio alla socializzazione e allo svago. È facile perdersi (non letteralmente!) in una città di circa 8,5 milioni di persone, quindi è importante restare in contatto con se stessi, ritagliarsi degli attimi in cui rigenerarsi e ricaricare le batterie. Una delle attività più amate dai newyorkesi è sicuramente quella di stare all’aria aperta in mezzo al verde, una passeggiata o pic-nic nei vari parchi per fuggire dal trambusto quotidiano, sì perché di parchi da visitare a New York ce ne sono un’infinità!
Lo sapevi che sono circa 1.700 quelli sparsi nei cinque distretti?
I parchi da visitare a New York sono ormai un must sia per la gente del posto che per i turisti, ognuno con le proprie caratteristiche ma tutti amati e preservati come piccoli gioielli, ognuno di noi desidera un’oasi tranquilla da chiamare propria. E siccome le persone accolgono sempre con grande gioia nuove aree verdi, ecco l’ultimo arrivato tra i parchi da visitare a New York inaugurato nel maggio 2021:
“Little Island”.

Parchi da visitare a New York: la storia dell’isola galleggiante

La terra dell’Hudson River Park, dove ora si trova uno tra i parchi da visitare a New York più particolari chiamato Little Island, era durante la prima colonizzazione dell’America, dimora della tribù Lenape che utilizzava il terreno del parco come accampamento durante le stagioni di caccia e pesca, oltre che condurre il commercio lungo il fiume Hudson. Col tempo ci fu una continua evoluzione del lungomare di New York, sorse il Molo 54 che tra il 1910 e il 1935 funse da punto di partenza e ritorno per i lussuosi viaggi transatlantici delle linee britanniche Cunard e White Star.

Nel 1912 furono accolti qui i sopravvissuti al disastro del Titanic. Questa struttura in acciaio ne è una prova, memoriale che troverete fuori da Little Island in onore ai caduti del Titanic.

parchi da visitare a New York
(vista da Genesis House)

Il molo cadde poi in disuso fino all’inizio degli anni ’80, quando gli fu data nuova vita ed uno scopo diverso insieme ad altri moli a sud di Chelsea, divenne infatti un rifugio sicuro per la crescente comunità LGBTQ di New York City.

Qui le persone potevano socializzare apertamente senza timore di molestie e discriminazioni e dal 1986, per oltre 25 anni divenne la sede dell’evento annuale “Dance on the Pier” nell’ambito dei festeggiamenti del Pride.

Nel 1998 il Molo 54 entrò a far parte del neonato Hudson River Park come sede per eventi estivi di arte e spettacolo fino al 2012, anno in cui l’uragano Sandy colpì la costa di New York City, danneggiando gravemente diversi moli lungo l’Hudson, incluso questo.

(punto più alto del parco)

Parchi da visitare a New York: la rinascita del Molo 54

Nel 2013, la Diller-von Furstenberg Family Foundation (DVFFF), in collaborazione con l’Hudson River Park Trust,  immaginò una soluzione per la riparazione e la riattivazione del Molo 54. Fu studiato un tipo completamente nuovo di spazio pubblico, uno spazio che avrebbe creato un’esperienza immersiva con la natura e l’arte diventando così uno parchi da visitare a New York di notevole importanza.  

La DVFFF, filantropica organizzazione, è stata una delle prime e continue sostenitrici di alcune tra le più note riqualificazioni della città tra cui “The High Line”, la raccolta fondi per il nuovo Museo della Statua della Libertà e il continuo abbellimento di Liberty Island. Indipendentemente dalla stagione, Little Island è un rifugio dallo stress della vita quotidiana in città, offre spazio per un pic-nic o per prendere il sole in estate oppure per una tranquilla pausa in inverno. Viste pittoresche, programmi e attività stagionali sono solo alcune peculiarità di questa splendida area verde galleggiante sorta dai resti del Molo 54.
parchi da visitare a New York Little Island
(maggio 2021, giorno dell’apertura)

Little Island si trova su un sito che ha svolto un ruolo fondamentale nella storia del fiume Hudson e delle comunità circostanti, a testimonianza di questo è stato conservato l’originale arco in acciaio dell’edificio Cunard-White Star ai piedi dell’ingresso del South Bridge.

Se invece sei una persona a cui piace sperimentare qualcosa di diverso, ecco alcune esperienze ed attività alternative da non perdere! 

Cart
  • No products in the cart.

PASSIONE PER NEW YORK?

ISCRIVITI E RICEVI LE NOTIZIE IN ANTEPRIMA