Curiosità su New York: tutto quello che c’è da sapere sulle Water Tanks

3 August 2021

Se siete alla ricerca delle più stravaganti curiosità su New York, oggi vi portiamo alla scoperta della storia e aneddoti sulle cisterne d’acqua. Le cosiddette Water Tanks sono state introdotte nel XIX secolo per fornire l’acqua agli edifici che superavano i sei piani. In tutta l’area metropolitana se ne contano circa 15 000 e potete rendervi conto anche voi della loro diffusione, guardando i tetti degli edifici. A proposito di cisterne, un’altra curiosità su New York: sapete che l’acqua pubblica newyorkese è una delle più buone al mondo? Questo è uno dei motivi per cui le Water Tanks sono uno strumento estremamente utile per la città. Nei paragrafi seguenti, troverete diversi dettagli oltre alla storia delle cisterne nella Grande Mela.
Water Tanks New York

Water Tanks: simbolo e struttura

Le cisterne d’acqua sono un simbolo per la città e i newyorkesi al pari di monumenti come l’Empire State Building. Da dove arriva l’acqua pubblica di New York? Proviene dalle riserve di Upstate e con la forza di gravità, raggiunge naturalmente il sesto piano degli edifici. Le water tanks sono fondamentali per i palazzi che superano i 6 piani di altezza. Infatti, raccolgono e distribuiscono l’acqua anche nei grattacieli e nelle costruzioni di ultima generazione. La struttura delle cisterne è molto semplice, una serie di assi di legno di cedro, tenute insieme da cerchi di acciaio.

Rispetto alle curiosità su New York e le water tanks, sappiate che le cisterne non vengono trasportate già assemblate. I singoli pezzi vengono messi insieme sul posto, perché la cisterna è troppo ampia per entrare negli ascensori. Le assi verticali sono modellate appositamente per aderire alle fessure della base di legno che viene appoggiata su un piedistallo di metallo. Oltre al legno di cedro viene usato il legno di sequoia della California. Questo materiale offre un naturale effetto isolante, fondamentale per scongelare l’acqua in inverno. Quanto dura mediamente una cisterna? Dai 30 ai 35 anni, viene realizzata in 24 ore e impiega 2/3 ore per essere riempita. Può contenere fino a 38 000 litri d’acqua. Per quanto riguarda il costo, i prezzi si aggirano sui 30000 $ per i modelli in legno e 120000 per quelli in metallo.

Le compagnie di water tanks nella Grande Mela

La più antica azienda di cisterne della città è la Rosenwach Tank Company, fondata da William Dalton nel 1866 nel Lower East Side. La compagnia è stata venduta alla famiglia Rosenwach nel 1896 per 55 dollari. Curiosità su New York e la sede della Rosenwach Tank Company. Inizialmente lo stabilimento era a Williamsburg, ma nel 2009 è stato compiuto un atto vandalico durante l’Independence Day. Un paio di persone hanno appiccato il fuoco nel cortile, danneggiando l’intera struttura. La compagnia ha venduto il terreno trasferendosi ad Astoria e oggi al suo posto, sorge un hotel. Le altre aziende che si occupano di cisterne a New York sono Isseks Brothers e American Pipe and Tank.

Le cisterne d’acqua fra arte, nightlife e architettura

Night Heron Speakeasy è stato il primo locale realizzato all’interno di una water tank nel 2013 e per accedere era necessario salire su una scala. Il locale poteva ospitare al massimo 12 persone, intrattenute dalla musica live.
Piccola curiosità su New York, ottenere l’invito a questo speakeasy era alquanto bizzarro. Per accedere, bisognava ricevere un orologio da taschino, che fungeva da invito, utilizzato da un precedente ospite.

Night Heron Speakeasy Water Tank
(pic credit: NY Times)

Avete mai sentito parlare di Tom Fruin? È l’artista che ha realizzato le variopinte cisterne a Brooklyn Bridge Park, Greenpoint, Dumbo e Hudson Yards. Nel Greenwich Village invece, sul tetto di un palazzo, una cisterna in acciaio è stata convertita in un cottage con due camere da letto.

water Tanks New York Tom Fruin

A proposito di locali e nightlife, siete mai stati nei rooftop di cui abbiamo parlato in questo articolo?

Vi ricordiamo che per tutte le novità e gli aggiornamenti su New York, potete seguire i profili social di KiariLadyBoss e New York City 4 All. 

Contributo Chiara Mezzini di “Il Basket Secondo Mez

-->