Summit One Vanderbilt: alla scoperta del nuovo osservatorio di New York

22 June 2021

Summit One Vanderbilt, il nuovo osservatorio di New York, aprirà al pubblico il 21 ottobre e si svilupperà su una superficie di circa 6040 m2 a 426 metri di altezza al 222 E 44th street , nel cuore di Midtown. SL Green Realty Corp. la società che ha realizzato il nuovo osservatorio, ha presentato il progetto l’11 maggio 2021.

Un’attrazione innovativa che offrirà ai visitatori viste panoramiche su tutta New York oltre a una selezione di bar e ristoranti. Il nuovo osservatorio è l’ultimo capitolo di un progetto da $ 3.3 bilioni che include il ristorante Le Pavillon dello Chef stellato Daniel Boulud. Un progetto che promette di essere un luogo innovativo in grado di mixare viste uniche, esperienze multisensoriali e una tecnologia all’avanguardia. Tutto questo grazie al contributo di Kenzo Digital per la parte artistica e Snøhetta per l’interior design. L’azienda Danny Meyer’s Union Square Events si occuperà invece di gestire l’offerta enogastronomica. Summit One Vanderbilt è stato realizzato rispettando alti livelli di sostenibilità. Un innovativo sistema di sanificazione garantirà la più alta qualità dell’aria.
I biglietti per il nuovo osservatorio saranno in vendita da quest’estate. Per conoscere le promozioni e le offerte consigliamo di dare un’occhiata ai profili Facebook e Instagram @SummitOV.

Summit One Vanderbilt 59th floor
(pic credit: Summit One Vanderbilt)

Summit One Vanderbilt: dal progetto alle installazioni di design

Per concepire e sviluppare il nuovo osservatorio sono serviti molti anni. Innanzitutto, la posizione è stata scelta per renderlo accessibile a tutti, visto il collegamento con Grand Central Terminal.
Summit One Vanderbilt, localizzato al 59esimo piano del One Vanderbilt uno dei nuovissimi grattacieli di New York, si propone come un luogo in grado di offrire viste spettacolari e ridefinire il rapporto fra natura e ambiente urbano. Gli amanti del brivido potranno salire a bordo di Ascent un ascensore in vetro che viaggia all’esterno del palazzo (video qua sotto). Oppure concedersi una camminato su Levitation, strutture in vetro sospese a 324 metri sopra Madison Avenue. È già considerato il giardino urbano più alto al mondo e i visitatori potranno usufruire del bar esterno o delle aree dove godere del panorama.

Marc Holliday, presidente e CEO di SL Green si è espresso così in merito al nuovo osservatorio. “Abbiamo creato una destinazione che offra un’esperienza interattiva che verrà ricordata per tutta la vita, con le migliori e ampie viste di tutta New York. Summit One Vanderbilt è maestoso e magico e deve essere provato per essere capito. È un posto speciale, elettrizzante che i newyorkesi e i viaggiatori da tutta la nazione ed il mondo vorranno visitare più e più volte”.

C’è grande attesa per Air, l’installazione di design che Kenzo Digital artista e CEO di Kenzo Digital Immersive, svelerà in estate. Come ha detto lui stesso “Usando la materia, il light design, il sound design, la scenografia e l’animazione, Air questa esperienza immersiva risveglierà i vostri sensi, trasformando la vostra percezione di New York, e re-immaginando la vostra relazione con la natura. Sarà l’ultimo esempio di democratizzazione dell’arte – un’esperienza rivelatrice indipendentemente dall’età, origini, o estrazione sociale”.

Ecco come sarà il nuovo osservatorio Summit:

Summit One Vanderbilt: dall’interior design alla ristorazione

Il progetto degli interni dell’osservatorio è stato affidato Snøhetta. Con un’esperienza di oltre 30 anni ha realizzato progetti famosi a livello internazionale. Dalla nuova biblioteca di Alessandria in Egitto nel 1989 al Norwegian National Opera and Ballet a Oslo, fino al padiglione del National September 11 Memorial Museum al World Trade Center. L’idea è quella di rendere il nuovo osservatorio, una sorta di viaggio fra la luce, i suoni e l’arte con vista panoramica su tutta la città. Queste le parole di Anne-Rachel Schiffman, direttore di Snøhetta Summit One Vanderbilt è uno spazio immersivo e sensoriale che abbraccia il panorama della città di New York. Fra arte integrata, suoni e luci, e le ampie viste dell’osservatorio, il nostro approccio all’interior design permette ai visitatori di comprendere il loro spazio nella grande città. Summit One Vanderbilt celebra questo contesto dalla Grand Central Terminal fino a questo nuovo spazio nel cielo.”

La gestione della ristorazione è affidata a Danny Meyer’s Union Square Events che offrirà una proposta gastronomica variegata mescolando sapori americani e cucina internazionale.

Per conoscere tutti gli aggiornamenti e le novità in attesa dell’apertura, vi consigliamo di seguire i canali social di KiariLadyBoss e New York City 4 All e rimanere aggiornati tramite il Blog.

-->