Intrattenimento a New York: nuovi programmi culturali da marzo

12 Gennaio 2021

.
Per gli amanti dell’intrattenimento a New York, se vi mancano le performance, le mostre d’arte e gli eventi culturali, non dovete preoccuparvi. Torneranno infatti a New York da marzo 2021, tutti all’aperto ovviamente!

intrattenimento a New York
(Una ballerina si esibisce al Robert Wagner Park per il   Battery Dance Festival virtuale nel 2020 photo by STEVEN PISANO, credit to Gothamist)


Il 10 dicembre, il New York City Council ha passato la legislazione per il programma “Open Culture” che riporterà gli eventi culturali e artistici a New York negli spazi pubblici all’aperto. “Ci sarà il ballo, il canto e il cabaret nelle strade per portare gioia e lavoro a migliaia di persone” ha detto Jimmy Van Bramer il finanziatore del programma.

Il programma per riportare l’intrattenimento a New York comincerà il primo marzo 2021. Seguirà iniziative simile all’outdoor dining che ha trovato spazio a New York attraverso il programma Open Streets. Una tassa di iscrizione di $20, ideata per “dissuadere le domande frivole”, verrà richiesta a tutte le organizzazioni interessate a partecipare al programma.

Intrattenimento a New York Open Culture

Intrattenimento a New York: l’ottimizzazione degli spazi all’aperto

Dal primo febbraio 2021, il Dipartimento dei Trasporti (DOT) deve condividere una lista di “spazi all’aperto idonei” che la città approverà in seguito come luoghi per questi eventi artistici e culturali.

Van Bramer sostiene che “abbiamo bisogno di sfruttare lo spazio della nostra città, in modi nuovi e creativi per assicurare che la comunità culturale possa fare performance e creare”.
Questa nuova legge sarà un programma di trasformazione e dinamico per la nostra comunità culturale e creerà un utilizzo dinamico per gli spazi all’aperto – che è davvero vantaggioso per tutti”

L’industria delle arti e l’intrattenimento specialmente è stata colpita duramente dalla pandemia, teatri, eventi e performance hanno dovuto fermarsi a marzo. Da allora, gli artisti hanno trovato piccole alternative per riportare l’intrattenimento in città, come the Philharmonic con le esibizioni sui pick-up, e le performance temporanee di Broadway, ma niente di significativo come questa nuova iniziativa.

Il programma ‘Open Culture’, per l’intrattenimento a New York, è stato programmato fino al 31 ottobre 2021, e se avrà successo, verrà esteso potenzialmente fino al 31 marzo 2022.
“Prima del COVID-19, il settore culturale era una delle maggiori industrie a NYC, impiegando circa 400 000 lavoratori, pagandoli $31 bilioni in stipendi e generando $ 110 bilioni in attività economiche” ha detto Laurie Cumbo capogruppo di maggioranza.
Da marzo, il 95% delle organizzazioni ha cancellato le programmazioni e il tasso di impiego nell’industria è sceso del 60% circa!

 

Intrattenimento a New York: approvazione del programma “Open Culture”

La proposta per “Open Culture” era in programma da agosto 2020 e in seguito a molti dibattiti ed emendamenti, è arrivata l’approvazione finale della città “è un simbolo per l’impegno della nostra città a innovarsi nei confronti di una “nuova normalità” ha detto Cumbo.

Le organizzazioni dei teatri locali come la League of Independent Theaters hanno ringraziato i membri del consiglio cittadino impegnati nell’approvazione dei programmi per l’intrattenimento a New York.

Hanno dichiarato che “noi sappiamo che questo continuerà a essere un periodo difficile per i piccoli teatri e le arti ma è un aiuto sapere che abbiamo così tanta forza come voi al nostro fianco! Siamo qui per continuare la ricerca a rendere il teatro e tutte le forme di arte sostenibili nella grande città di New York”.

Intrattenimento a New York, Open Culture(photo credit SecretNY)

Intrattenimento a New York: un sito internet per il programma “Open Culture”

Un sito internet verrà creato in corrispondenza per informare il pubblico “sugli spazi all’aperto creati dalla città per i programmi artistici e culturali, come carreggiate, parchi, o piazzali per i pedoni” facilitando l’uso di questi spazi dalle istituzioni artistiche e culturali; e permettere agli utenti di cercare questi spazi all’aperto su una mappa ha riportato un comunicato stampa.

Il Mayor’s Office of Citywide Event Coordination and Management (CECM), con il Department of Parks and Recreation (Parks), il Department of Cultural Affairs (DCLA), il Department of Information, Technology e Telecommunications (DOITT) lavoreranno insieme per creare il sito dedicato all’intrattenimento a New York.

Il programma ‘Open Culture’ sarà il responsabile del ritorno di un’industria che è mancata molto, ma che è sempre stata prevalente nella città di New York. Molto presto, i newyorkesi torneranno a godere di una delle loro forme di intrattenimento preferita e le istituzioni artistiche torneranno al lavoro!

Iscriviti alla newsletter