A New York con Francesca – Viaggiare da Soli

Hi everyone, oggi ospitiamo nel blog una viaggiatrice DOC napoletana che ama viaggiare in solitaria ormai da 10 anni e ci racconterà il suo punto di vista su New York.

Ciao Francesca puoi raccontarci un pò di te? Di dove sei, dove vivi e che blog o agenzia gestisci?

Sono Francesca, napoletana, vivo a Roma da 18 anni, ho un blog che si chiamaViaggiareDaSoli sono una psicologa e mi occupo di psicologia e viaggi.

Sul mio sito intervisto viaggiatori solitari, do consigli pratici basati sulle mie esperienze e parlo del travel coaching che è la pratica che faccio come psicologa.

Quante volte sei stata a New York ed in che anni?

Ci sono stata due volte, una del 2001 e una nel 2009.

L’hai trovata cambiata e quali sono le cose che ti hanno colpito di più nel cambiamento?

Più che cambiata l’ho vista con occhi diversi, la prima da un punto di vista molto turistico e didascalico, la seconda più da insider. Quello che noto è che segue e anticipa molte tendenze, mi ricordo che la prima volta che sono stata al Meatpacking District ho “flippato” all’idea di essere in un quartiere così urban e così cool, poi questa tendenza si è riproposta in tutte le città del mondo

Dove alloggiavi e come ti sei trovata?

La prima volta in un hotel di lusso, uno di quelli super fighi e tradizionali dove la colazione si paga a parte e costa 50 $, la seconda volta in un appartamento di un amico sulla sesta, molto meglio, credo sia stata una delle prime volte in cui andavo in un appartamento in viaggio.

Cosa apprezzi della Grande Mela?

L’energia e la creatività.

Cosa invece non invidi alla città?

Il fatto che sia negli Stati Uniti, non sono una grande fan del paese, se posso li evito.

Qual e’ il tuo posto preferito a New York e perché?

Forse Chelsea per l’architettura e le gallerie d’arte è molto lontano dall’Italia come stile.

Potresti elencare un paio di ristoranti e negozi che ti hanno colpito e che consiglieresti ai tuoi ed ai miei lettori?

Come negozio Anthrophologie non è di certo innovativo ma mi piace sempre un sacco anche per come è arredato. Calypso, mi ricordo che avrei comprato tutto se solo avessi avuto i soldi, invece sono uscita solo con una cintura di seta che ho messo moltissimo.

Per mangiare ci sono mille posti e forse nn sono aggiornatissima, se esiste ancora consiglierei Les Halles il ristorante di Anthony Bourdain, solo perchè adoro i suoi libri.

Vivresti mai a NYC e se si perché?

Si ma solo a tempo determinato, un paio d’anni sarebbe perfetto, ma credo sia meglio viverci da più giovani perché ci sono troppe cose da fare e bisogna avere molte energie.

C’è qualcosa che ti manca di New York ogni volta che la lasci?

Direi di no, mi piace il fatto che ogni giorno ci sia un evento, ma io lascio il cuore nella natura non nelle città di solito.

Motto e dove possiamo trovarti?

“I sogni nel cassetto fanno la muffa”

Mi trovate su mio sito e su tutti i social come @viaggiaredasoli.

Iscriviti alla newsletter